Seminario “Coltivare il cambiamento” 16/10/12

Coltivare il cambiamento

Dentro la crisi per ricostruire legami sociali, riconoscere le alternative sostenibili, promuovere economie del bem viver
Seminario di ricerca e proposta
Dialogo tra saperi del campo solidale e saperi scientifici
Roma, 16 ottobre 2012
Ore 14 – 19,30
Biblioteca CNR – ISSiRFA, Via dei Taurini,19

Coltivare il Cambiamento – Depliant e programma (PDF)

Programma

Ore 14,00 Accoglienza e apertura dei lavori
Ore 14,30 I saperi maturati nel campo
dell’impegno solidale
Maurizio Assogna – RSU Almaviva (Roma)
Bengasi Battisti – Sindaco di Corchiano (VT) Rete dei Comuni
Virtuosi,
Marco Binotto- ReteGasdelLazio
Monica Di Sisto- VicePresidente di FairCoop
Silvia Stilli – VicePresidente dell’AOI (AssociazioneOngItaliane)

Ore 16,00 Domande e interventi di integrazione

Ore16.30 Break

Ore16.50 I saperi maturati nel campo della ricerca e della scienza
Ugo Ascoli – Docente di Sociologia Economica (Facoltà di Economia “Giorgio Fuà” – Università Politecnica delle Marche)
Andrea Baranes – Presidente Fondazione Culturale Responsabilità Etica
Piero Fantozzi – Docente di Sociologia e Scienza politica (Facoltà di Scienze politiche – Università della Calabria)
Ivo Lizzola – Preside della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Bergamo
EuclidesAndréMance – Filosofo,antropologo,RBSES, Solidarius

Ore 18,40

Ore 19,15
Confronto aperto Conclusione e proposte

Coordinano l’iniziativa:
Soana Tortora, Solidarius Italia Chiara Cavallaro, CNR ISSiRFA

Dario Pulcini

Description...

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Dr. Sankara ha detto:

    Hai ragione caro, ma si paziente. Si fa quel che si puo’: siamo e restiamo umani… 🙂

    PS. …in fondoe’ così necessario parlarne nel proprio gas? certe volte basta girare il link…

  2. barillo ha detto:

    ragazzi, ve lo ripeto che se inserite il post di un incontro 2 giorni prima, saranno davvero pochi i gasisti che parteciperanno…sia perche’ non c’e’ tempo per parlarne nel proprio gas, e sia perche’ magari una persona ha gia’ degli impegni per il “dopodomani”.
    GRAZIE

Vai alla barra degli strumenti