Carta Lucart

La Rete GAS del Lazio promuove un Acquisto condiviso di Carta Lucart (Carta igienica, Asciugatutto maxi rotoli, Tovaglioli di carta doppio velo, Tovaglioli di carta mono velo, Fazzoletti naso).

Listino

 Il listino è un estratto dei prodotti ordinabili tra quelli della gamma “Grazie Lucart” visibile su www.grazie.it.

Perché la Lucart?

Perché è l’unica carta che non taglia gli alberi che proviene dal riciclo del cartoncino contenuto del tetrapack, non viene sbiancata con il cloro e quindi non inquina le acque. Il cartoncino viene lavato con  acqua e poi lavorato, di conseguenza la carta non è bianca, ma qualcosa di simile al color panna.

Quattro motivi importanti:
1) Per la certificazione di un processo “pulito”, infatti utilizzano solo Acqua.
2) Perchè è fatta di Carta Riciclata dal Tetrapak. Prodotto difficile da smaltire correttamente.
3) Perchè è prodotta in Italia.
4) Perchè si risparmiano tra i 4 e i 7 euro a pacco da 28 rotoli

Il risparmio

Mentre noi la paghiamo 1,38 (pacco di carta igienica da 4 rotoli), altrove costa tra i 60 centesimi e oltre 1 euro in più.
Si trova a 1,99 in grossi supermercati, tipo quelli sul raccordo anulare, grandi magazzini di questo tipo.
Si risparmiano circa 5 euro e i euro ogni volta che compriamo un pacco da 7 rotoli. Ma non è verosimile che tutte le nostre famiglie si rechino in questi grandi magazzini per prendere la carta igienica, a Roma non si trova a meno di 2,30-2,50 euro, almeno così mi è stato riferito da chi conosce e acquista il prodotto. Ci costa praticamente meno della carta igienica normale.

L’inquinamento

Non viene usato alcun tipo di sbiancante, l’Ecolabel è la certificazione con la più alta tutela che esista.
Non ci sono altre carte che fanno questa cosa, quelle che esistono sono sempre prodotte dalla Lucart sotto altri marchi, che poi è la Cartiera Lucchese, di Lucca. Non esiste una carta che tuteli così tanto l’ambiente e nei negozi viene venduto come un prodotto pregiato benché la sua produzione non sia così costosa. Inoltre si trova sbocco per il riciclo dei pacchi di tetrapack, cosa non semplice dato che si tratta di qualcosa che include in sè tre materiali diversi: alluminio, carta, plastica.

E chi l’ha detto che è la migliore?

Greenpeace ha messo a confronto tutti i tipi di carta in uno studio:

 Guardate il video: http://www.greenpeace.it/deforestazionezero/foreste-a-rotoli/

Per la cronaca: la carta Coop Vivi Verde è la stessa, sempre prodotta dalla Lucart.

L’ordine

Quanta comprarne?

Dipende dai vostri consumi, è un ordine difficile da gestire, quindi si farà poche volte all’anno: Fate una bella scorta!

Sarà ovvio, però… L’unico prodotto davvero indispensabile forse è la carta igienica poiché per gli altri ci sono: canovaccio, tovaglioli di tessuto, fazzoletti di tessuto e una bella lavatrice ecologica fatta con detersivo eco, magari con un pannello solare sul tetto. Pensateci prima di ordinare.

Quantità

Le quantità che compongono ogni pedana sono inserite nell’ordine. Non si può pensare di far acquistare 2-3-4 confezioni a nucleo familiare, l’ordine e l’impegno devono essere seri. Si sta parlando di un acquisto condiviso e consistente, non di una vendita al dettaglio. Lo sforzo che deve fare ogni persona è di acquistare un pacco da 7 che sarà grande come tre scatole di bottiglie di vino, non c’è un problema di spazio. Acquistando un pacco da 7 si permette anche agli altri di acquistare la carta. Acquistando 1-2-3-4 confezioni singole non si permette agli altri di acquistarla perché l’ordine non partirà.

Accorgimenti sul minimo d’ordine

Può darsi che alla chiusura dell’ordine non avremo ordinato esattamente la quantità necessaria di un certo prodotto. Di conseguenza il numero di confezioni è indicativo.

Ad es.: se è necessario distribuire un altro pacco da 4 rotoli è capace che ve ne arrivino 32 invece di 28. Viceversa potrebbero arrivarvene 24. Lo stesso vale per gli asciugatutto e i tovaglioli. Ovviamente lo saprete prima di pagare e pagherete 32/24 rotoli più un eventuale costo per trasporto o gestione che si presenterà

Come ordinare

Puoi usare questo modulo per inserire l’ordine del tuo GAS. Per ora in fase di prova.

Pagamento (Importante)

Il pagamento sarà anticipato rispetto alla consegna. Una volta che mi avrete inoltrato l’ordine da parte del vostro GAS, l’ordine verrà sistemato e ri-inviato di nuovo ai referenti con le quantità giuste e gli importi precisi da pagare.

Quando ogni GAS avrà pagato la sua quota a mezzo bonifico, l’ordine verrà evaso.

NB: per ora non sappiamo ancora dove avverrà lo scarico e quale GAS si farà carico dell’acquisto.

Gestione dello Scarico?

Una volta completato l’ordine definiremo il luogo di scarico, sulla base di:

  • Quanti GAS acquisteranno e se verrà raggiunto il minimo d’ordine.
  • In base a chi e quanto ha ordinato cercando un GAS disponibile a fornire un punto di scarico che sia a metà strada.
  • Contestualmente allo scarico alcuni GAS potrebbero ritirare subito la loro parte, altri potrebbero passare successivamente.

A ciascun GAS sarà richiesto qual è il volume dei prodotti ordinati (saranno in degli scatoloni di cartone) così potrete organizzarvi per venirli a prendere con il mezzo giusto. La carta è voluminosa ma, per fortuna, poco pesante.

Responsabili dell’ordine

Ermanno (G.a.s. Gasper)

 

Vai alla barra degli strumenti